sarno sW 2

Femminicidio: oltre 60 donne uccise dall’inizio del 2016.

È un vero bollettino di guerra: dall’inizio del 2016 più di 60 donne sono state uccise in Italia dal partner o da un ex. Oltre 155 da gennaio 2015.
Purtroppo, arrivata l’estate, la lista va ancora ad allungarsi. Anzi, gli ultimi casi hanno subito un’escalation di violenza inaudita con l’efferatezza del crimine che aumenta a dismisura.
Negli ultimi mesi, uno dei casi sicuramente più agghiaccianti e che ha scosso l’Italia intera è stato quello di Sara, giovane di 22 anni, arsa viva dall’ex fidanzato. La sua unica “colpa”? Quella di voler terminare una relazione con il proprio compagno.

stop violenza

Ma sono ancora tanti, troppi, i dati sulla violenza domestica: da gennaio 2015, secondo i dati di Telefono Rosa, almeno 8.856 donne sono state vittime di violenza e 1.261 di stalking (ed è solo la punta dell’iceberg, visto che il 90% delle donne non denuncia!).
Ci sono però città che attraverso manifestazioni o simboli cercano di lanciare una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne: come Sarno, in provincia di Salerno, che ha affisso un drappo rosso all’ingresso della casa comunale per 60 giorni, tante quante sono le vittime dall’inizio dell’anno. L’iniziativa, molto sentita dai cittadini, ha visto un susseguirsi di testimonianze spontanee di donne vittime in passato di violenze, appoggiate da professioniste del settore che hanno parlato, invece, di prevenzione.

Lascia un commento