gatti-donne

Cani e gatti amici delle donne: meno stress e ictus

Uno studio della Georgia Southern University, dal titolo ‘High Blood Pressure and Cardiovascular Prevention’, sostiene che gli animali domestici, in particolare i gatti, proteggano gli esseri umani dalle conseguenze gravi delle malattie cardiovascolari, con un’incidenza maggiore per quanto riguarda le donne.

E’ stato dimostrato che tutte le donne che possiedono un animale, infatti, hanno un minor rischio di morire a causa di un ictus: più che all’attività fisica che si fa con gli animali l’effetto positivo risulta legato alla personalità di chi li possiede e al fatto che la loro compagnia allevia lo stress.

Lo studio ha coinvolto oltre 4.000 adulti over 50, senza malattie gravi, che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey: dal sondaggio è risultato che il 35% dei partecipanti aveva un cane o un gatto e che la metà era obeso o in sovrappeso. I partecipanti sono stati seguiti fino al 2006 per sapere se fossero ancora in vita e dai risultati, comparati col National Death Index, l’indice nazionale di mortalità, e’ emerso che l’incidenza di morti per malattie cardiovascolari nei non proprietari di animali era di 11 ogni 1000 persone, mentre per chi aveva un cane o un gatto era di 7 ogni 1000. In particolare per l’ictus , gli uomini proprietari di animali avevano le stesse chances di mortalità, mentre nelle donne la probabilità di morire risultava ridotta di circa il 40 per cento.

“Lo studio non deve essere interpretato come un incoraggiamento a possedere animali domestici. Averli può essere positivo, ma devono essere tenuti responsabilmente” avverte uno degli autori dello studio Jian Zhang, spiegando che devono essere fatti ulteriori approfondimenti”

Fonte: ansa.it

Lascia un commento